Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘pubblicità’

Viva la rai/quanti geni lavorano solo per noi... bei tempi quelli in cui senza paura di essere smentito, o quasi, Renato Zero poteva cantare questi versi. Ma oggi come è messa la tv? Pare non tanto bene. Noi spettatori quanto siamo complici di questo imbarbarimento? Ai posteri l’ardua sentenza.

Partiamo da un assunto imprescindibile: non è vero che tutta la TV fa schifo, esistono ancora dei programmi ben fatti, delle sacche di resistenza. Facciamo un esempio: La storia siamo noi, di Giovanni Minoli, nel corso degli anni ha raccolto premi e attestati di stima all’estero, molti meno in patria, come lo stesso Minoli in un’intervista al Tg2 ha voluto sottolineare. La storia siamo noi è un programma che seguo volentieri, c’è una cosa però che mi fa accapponare la pelle, prima del lancio della pubblicità la voce di Minoli che dice: la storia torna dopo la pubblicità! Non so se sia ironica, sferzante, consapevole battuta, so solo che la trovo agghiacciante… nella sua veridicità: la storia torna dopo la pubblicità.

E’ un ottimo punto di partenza per parlare della tv oggi e di come siamo messi: dell’asservimento a logiche incomprensibili, dovute al dominio della pubblicità: l’ansia da vendita di spazi pubblicitari, che porta al ricatto dell’ascolto a tutti i costi (che già illustri vittime ha fatto), da misurarsi con strumenti di dubbia validità, l’Auditel. Per non parlare dei continui rimescolamenti dei palinsesti, prassi consolidata negli scorsi anni, in cui tu tentavi di seguire le evoluzioni della tua serie preferita, che veniva cancellata, post-posta, rimandata, cambiata di fascia oraria o giorno, troncata ecc. Tanto che, abbandonate le guide tv, uno si dotava di sfera di cristallo e cercava di capire quando e dove avrebbero trasmesso la serie.

Se è vero che la TV è specchio, seppur distorto e deformato, del mondo in cui viviamo, e di noi stessi o quantomeno della gente che la guarda (non ci credo del tutto, ma ci credo), osserviamolo questo mondo. Cosa ci circonda? Dove stiamo andando?

Quando si parla di televisone di qualità, si svolge un’equazione (a mio avviso errata) di questo tipo: tv di qualità è quella che fa cultura, cultura è se si parla d’arte, storia, filosofia, economia, psicologia, sociologia. Ok, ci stiamo, ma fino a un certo punto. In ogni caso questo assioma è funzionale a quanto sto per dire.

Se il metro di paragone è l’arte, manifestazione alta del genio e dello spirito dell’uomo, questa è la condizione dell’arte da ormai una trentina d’anni (almeno). L’arte è mercato (è sempre stato così); il compratore d’arte e il mercante che lo serve , nonché gli artisti più in voga sono così: cito Mordecai Richler e il suo libro La versione di Barney (è un Bellow edulcorato, un Herzog alla portata di tutti)

  • non ha mai aperto l’Iliade, né Gibbon, Stendahl, Swift […] Scommetto che non ha mai passato un’ora davanti al ritratto della famiglia reale di Velàzquez […] ma invitatelo a una vernice che promette un crocifisso affogato nel piscio, o un culo sanguinolento di signora trafitto da un arpione, e arriverà di corsa sventolando il libretto degli assegni.

Desolante, quanto vero. Le stesse cose, e con la stessa verve combattiva, ma su di un altro piano dialettico, le si possono trovare in un testo come “Parigi – New York e ritorno, viaggio nelle arti e nelle immagini” del critico d’arte francese Marc Fumaroli, illuminante sotto molti aspetti.

Se questo è il metro di paragone, se persino le manifestazioni più alte sono cazzate e pubblicità, direi che siamo ben messi. Quanto di tutto ciò è dovuto anche a responsabilità di noi pubblico? Lo scopriremo presto, dopo la pubblicità.

Io credo che l’aria stia cambiando, le coscienze e la voglia delle persone di tornare a ridere come dio (il dio della tv) comanda, tornare a riflettere e a commuoversi come uomini e non come burattini, sia una necessità sempre più impellente nel pubblico. Professionalità in chi lavora in tv e fa tv pare il nuovo mantra, ben venga il nuovo mantra.

Annunci

Read Full Post »

Il rock è duro, manteniamolo così! In sè questa pubblicità di MTV non mi aveva convinto granché, finché non ho visto la faccia che fa alla fine la bambina 😀 povera stella…

Read Full Post »

Io e mia sorella eravamo in cucina, lei si stava preparando un caffè ed io un tè. In sottofondo c’era la tv accesa e ad un certo punto è saltata fuori una delle solite pubblicità idiote sulla stitichezza: lui che fa dell’ironia perché lei è gonfia, e lei che spiega che la situazione è quella perché è stitica e alla fine la baracca si salva con una meravigliosa supposta effervescente  (che deve essere tutta un programma, adatta magari per l’ultimo dell’anno tra botti ed effervescenza siamo in clima con la festività).

Sorella: non ho capito perché in queste pubblicità siamo sempre noi donne a soffrire di stitichezza, oppure, caso contrario, sempre noi donne siamo quelle colte dalla diarrea improvvisa, a voi uomini non capita mai? E da cosa dipende ciò, dal fatto che noi siamo creature più sensibili?

io: onestamente non posso spiegare l’idiozia dei pubblicitari, raggiunge livelli che vanno oltre l’umana comprensione. Piuttosto, mi incuriosisce questa cosa dell’effervescenza, ma se io uso nello stesso modo del citrato e ci butto un goccio d’acqua ottengo lo stesso effetto?

sorella: certo, e con la supposta effervescente ci puoi preparare una bevanda dissetante.

Ecco l’illuminante pubblicità, è di una stupidità imbarazzante, tanto quanto il nome della supposta: Eva-qu

Read Full Post »

Infrangere muri, superare barriere, limiti, paure… ci vuole poco in realtà, basta un minimo di coraggio e una sana dose d’incoscienza… ah, e la giusta colonna sonora in sottofondo che crei l’atmosfera (la musica dello spot è di G.F. Händel “Sarabande”)

Read Full Post »

Mi ha incuriosito, mentre sfogliavo “Viva Verdi” il mensile della S.I.A.E, la divertente pubblicità di Webster.it la libreria online, eccola:

Da ciò si potrebbe dedurre che la rabbia post divorzio stimoli la creatività, mentre il felice appagamento dell’amore faccia pensare a tutto tranne che  ad esprimere creativamente se stessi attraverso la scrittura o l’arte. Che sia davvero così? Magari da sposati ci si esprime creativamente a letto… questa è la più grossa idiozia che potessi buttare nel mucchio di idozie finite in questo post 😀 comunque la pubblicità è carina.

E già che ci sono ci metto una canzone che non c’entra niente, ma mi andava di ascoltare: Buffalo Springfield “For what it’s Worth”

Read Full Post »

Non so perché ma questo spot mi piace parecchio: forse perché nonostante il pupazzo sia un pupazzo (appunto) ha una faccia espressiva; forse perché lei è, in modo assurdamente divertente, un’isterica folle… o magari… boh… non mangio più un chupa chups da duemila anni, gusti preferiti: limone e cola… comunque, perché lui non apre il suo tenero cuoricino? PERCHE’!

Read Full Post »